Serie B: sconfitta amara per la Reno contro il Riviera

Partita importante quella di Mira per la Reno, anche se la FIR alla vigilia ha annullato i play out retrocessione, ma entrambe le formazioni non vorrebbero certo chiudere la stagione all ultimo posto. Alla fine rimane un solo dubbio: si sarebbe salvata la Reno se avesse dovuto affrontare gli spareggi per non scendere in serie C?

Rugby Riviera – Reno Rugby Bologna: 33 a 21

Mira, 6 maggio 2018

La partita spareggio per evitare l’ultimo posto nel girone perde gran parte del proprio pathos a seguito della decisione federale di annullare i play out che avrebbero decretato quale squadra sarebbe stata retrocessa. Tutti salvi pertanto, ma nessuna delle due squadre vorrebbe chiudere la stagione all’ultimo posto del girone: tale sorte toccherà quasi certamente alla Reno che non è stata in grado di reggere il confronto con i veneti, soccombendo alla distanza.

I gialloblu hanno un buon inizio, ma sprecano molto e così è il Riviera a muovere per primo il punteggio con un piazzato al 10′ minuto. Tuttavia la Reno continua a premere finché non viene premiata dalla meta di Carisi che Sacchetti trasforma per il temporaneo 7 a 3 al 17′.
Ma il gioco della Reno si fa più confuso col passare dei minuti e troppo spesso incappa in falli, spesso ingenui, che permettono ai veneti di rifarsi sotto, prima al 20′ e poi di portarsi in vantaggio con un’ulteriore punizione al 22′.
I gialloblu perdono pian piano mordente e subiscono le giocate avversarie: così non meraviglia che il Riviera coroni la superiorità, in questa fase della gara, con una marcatura pesante (fortunatamente non trasformata). Il primo tempo si chiude pertanto con i veneti in vantaggio per 14 a 7.

Inizia il secondo tempo e ci sarebbe tutto lo spazio per recuperare, ma Natale rimedia subito un cartellino rosso, probabilmente eccessivo, per un fallo di entità alquanto dubbia.
Rimasta in 14 la Reno subisce al 53′ la seconda meta (anch’essa non trasformata) che sembra dover spegnere ogni velleità di rimonta, anche perché realizzata in una finestra di temporanea parità numerica, a causa di un cartellino giallo rimediato dal Riviera per un fallo di antigioco. I gialloblu invece hanno uno scatto d’orgoglio, riversandosi nei 22 avversari e accorciando le distanze al 65′ con la meta di Segundo (trasformata da Sacchetti) al termine di una pressione incalzante.
E’ un buon momento per i bolognesi che nonostante l’inferiorità numerica riescono a innescare una bella giocata al largo che manda in meta Gargan, al 70′, (Sacchetti trasforma ancora) e porta la Reno in pareggio sul 21 a 21.
Purtroppo, quando i gialloblu sembravano in grado di conquistare tutta la posta, un calcio in profondità viene mal controllato e permette al Riviera di andare in meta al 74′, che con la trasformazione si riporta in vantaggio sul 28 a 21. La Reno non sembra in grado di ribattere e il gioco ristagna finché all’ultimo minuto un altro calcio in profondità, non controllato, favorisce un’altra comoda segnatura dei veneti, che in tal modo portano a casa la partita e il punto di bonus offensivo, con il risultato finale di 33 a 21.

A questo punto i bolognesi sembrano condannati all’ultimo posto in classifica, vista la proibitiva gara di domenica prossima con il Villorba in piena corsa per il secondo posto nel girone (che garantisce la promozione in serie A) e l’odierna vittoria del Ferrara che, insieme al Riviera, scavalcano i bolognesi.
Non ci sarà quindi la fase play out e pertanto nessuna retrocessione: tuttavia ci sarà certamente da valutare a fondo l’andamento della stagione e riflettere per il futuro.

La formazione della Reno Rugby:

1 Murgulet Aurelian, 2 Datti Giacomo (dal 50′ Frezzati Marco), 3 Fabbian Andrea (dal 60′ Corsini Andrea), 4 Dall’Omo Luca, 5 Pesci Giacomo (dal 62′ Babbini Mattia), 6 Natale Francesco, 7 Carisi Riccardo, 8 Segundo Marcelo, 9 Furetti Giovanni, 10 Sacchetti Nicola, 11 Gargan Daniel, 12 Ghini Francesco, 13 Savini Francesco (dal 12′ Kharytonyk Ivan), 14 Ozzarini Luca, 15 Susa Ermanno

A disposizione: 16 Graziani Domenico, 21 Calia Davide, 22 Domenichini Marco

Ha arbitrato: Enrico Dardani (PD)